In una società fondata sulla produttività e sul consumo,

in cui tutti corriamo 14 ore al giorno dietro a non si sa bene cosa,

da un momento all'altro, arriva lo stop.

 

Fermi, a casa, giorni e giorni.

A fare i conti con  un tempo di cui abbiamo perso il valore, se non è misurabile in compenso, in denaro.

Sappiamo ancora cosa farcene?