"Là dove sbagliano le aziende"

quando si TRATTA di formazione.


Vi è un'affermazione ricorrente tra i manager: "non è misurabile!", la cui conseguenza diretta è:"la formazione non funziona!". "Ma è proprio così?" La risposta è NO.


Il peccato originale nasce dalla composizione dell'offerta formativa da parte della maggior parte delle società di formazione e consulenza, a cui le aziende attingono, che da sempre offrono "prodotti formativi" che prevedono la sola modalità di erogazione "in aula" o "da remoto" (Post Covid). Modalità che non prevedono alcun parametro oggettivo con cui misurarne l'impatto sui singoli partecipanti. Anni di formazione così erogata, che hanno portato la maggior parte dei manager ad auto-convincersi sull'impossibilità di farlo, accettando di fatto la resa incondizionata piuttosto che prendere in considerazione il vero problema: "la struttura" del programma formativo.


"Perché quel tipo di struttura non è così efficace?"

Da giovani si andava a scuola. Si ascoltavano, più o meno attentamente, le lezioni e si prendevano appunti in funzione di: voglia di apprendere, del livello di attenzione prestato, dalla forma espositiva, dalle capacità di coinvolgimento del docente di turno, ecc.. Aspetti comuni anche alla formazione professionale.


"Quindi?"

A differenza del professionista, lo studente è "costretto" a superare con successo una prova successiva (esame/interrogazione/verifica) per progredire nel proprio percorso scolastico. L'unico modo che ha per farlo è quello di applicarsi concretamente nell'apprendimento, rimettendo mano agli appunti e "mettendo testa" sui libri.

Esattamente il contrario di ciò che accade nell'offerta formativa professionale che NON prevede applicazione post aula e tantomeno prove successive da superare che attestino il livello di conoscenza ed apprendimento maturato dal partecipante, il cui risultato è: "Solo il 12% dei partecipanti di un' attività formativa professionale afferma di mettere in pratica ciò che ha appreso in aula." (Fonte Harvard Business Review)


"Perché accade?"

l punti critici, per questo deboli, sono che quel tipo di struttura e le aziende che la scelgono come soluzione, ignorano del tutto i pilastri del funzionamento della memoria umana e dei processi di apprendimento, che la neuro scienza scienza ha ampiamente documentato:

  1. "La curva della dimenticanza o dell'oblio". Studio dello psicologo Ebbinghaus, che ha dimostrato la velocità con cui gli umani tendono a dimenticare ciò che hanno appena imparato, ma che al tempo stesso gli ha dato modo di trovare il rimedio per "ingannare il cervello" e memorizzare più informazioni. Quella che oggi viene chiamata ripetizione dilazionata o spaziata (Spaced Repetition System, SRS), che funziona in linea di massima così: le informazioni vengono prima immagazzinate, poi riviste e ripetute dopo intervalli temporali crescenti.

  2. "La teoria della motivazione" dello psicologo E.Locke che presuppone che il comportamento umano lavorativo sia guidato da obiettivi, ovvero ciò che l'individuo vuole raggiungere, il bersaglio verso cui è diretta la sua azione. Analisi incentrata sulla relazione tra obiettivi consapevoli, intenzioni e prestazione professionale.

Un paradosso che amplifica la gravità del problema sapendo che: "A livello globale, le aziende spendono circa 400 miliardi all'anno in formazione. "(Fonte Harvard Business Review)


"Esiste una struttura formativa che segue queste formule?" Assolutamente SI.

Ed è anche la più richiesta sul mercato, perché non solo risponde a quelle formule, ma addirittura ne potenzia l'impatto perché:

  1. Focalizzata sullo sviluppo di una competenza specifica in un arco temporale definito.

  2. Non Teoria ma Pragmatismo | basata su casi/conversazioni reali.

  3. Trasferimento in modalità digitale attraverso una serie di brevi e concise nozioni in formato video (3min. in media).

  4. Ripetizione dilazionata o spaziata (Spaced Repetition System, SRS) su Piattaforma digitale ad-hoc.

  5. Accessibile quando (h24) | dove (località e device)| e quante volte si vuole (libertà/flessibilità).

  6. Certificazione finale | soggetta al superamento di un test finale.

"Come si chiama?" Microlearning


"Genera risultati?" Costa 6 volte meno di una giornata d'aula per singolo partecipante ed 3 volte più efficace (Fonte Brand2live, HBR).


"Se volessi saperne di più?" | scoprilo QUI


ST

Brand2live.com











130 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
BRAND2LIVE SRL con socio unico.

 

C.F. e P. IVA: 05376140967
Numero REA: MI – 1817760
Cap. Soc. € 15.000 i.v.

  • LinkedIn Icona sociale

Sede Legale: Foro Bonaparte 63,

20121, Milano,

Italia