Cosa dicono di Stefano Trupia 

(quando esce dalla stanza).

Molti lo chiamano "l'uomo che parla al cervello", non solo perché ne porta sempre un campione nello zaino, ma per la sua positiva ossessione ad elevare il tasso di conversione di prospects in acquirenti, durante le conversazioni tra azienda e target.

Una tendenza che lo ha portato a sviluppare competenze rare, soluzioni ad-hoc e conoscenze specifiche sul funzionamento del processo decisionale umano, al punto tale da essere riconosciuto come uno dei pochi specialisti di"efficaci conversazioni di vendita" da oltre 90 brands al mondo e circa 4000 sales & marketing executives formati e supportati da quando fondò Brand2live nel 2006.

Molti lo chiamano "l'uomo che parla al cervello", non solo perché ne porta sempre un campione nello zaino, ma per la sua positiva ossessione ad elevare il tasso di conversione di prospects in acquirenti, durante le conversazioni tra azienda e target.

Una tendenza che lo ha portato a sviluppare competenze rare, soluzioni ad-hoc e conoscenze specifiche sul funzionamento del processo decisionale umano, al punto tale da essere riconosciuto come uno dei pochi specialisti di"efficaci conversazioni di vendita" da oltre 90 brands al mondo e circa 4000 sales & marketing executives formati e supportati da quando fondò Brand2live nel 2006.

I clienti  lo definiscono un professionista visionario e pragmatico, che guida fattivamente  le aziende al successo, in particolare le organizzazioni Sales, Marketing & Talent Acquisition.

Questa caratteristica è frutto del suo percorso professionale poliedrico. Un mix di esperienze distinte che hanno maturato il professionista di oggi. Dall'agente di sicurezza all'aeroporto di Fiumicino "in pantaloncini corti", al venditore/key account manager, al sales & marketing executive di compagnie aeree internazionali, all'imprenditore, il consulente strategico, l'inspirational speaker, il trainer e per finire l'ideatore e organizzatore di eventi straordinari, di cui 2 Guinness World of Records. 

Sono però tutti d'accordo nel definirlo una fonte di energia positiva, guidato da una passione fuori dal comune per la sua missione, un leader carismatico. 

Dice di se stesso

"Non farai molta strada nella vita! non parlerai mai una lingua straniera ! non hai voti alti! non hai Santi in Paradiso, togliti quel sorriso, e così via."

Sembrerà assurdo, ma sono grato a queste frasi. Le considero il più grande dono ricevuto. Son pazzo? no, sono consapevole che sono state la spinta per lavorare sodo e che mi hanno consentito di ottenere numerosi  traguardi professionali e personali.

 

Ho imparato sin da ragazzo a lottare lealmente, anche se era durissima averla vinta.  A rovesciare il tavolo, a far cambiare idea al prossimo. Ho deciso di disciplinarmi, di non smettere mai di apprendere, di sviluppare ed allenare nuove competenze, ma anche a saper accogliere il cambiamento come opportunità e crescita.

L'atteggiamento mentale (il pensiero positivo) e l'umiltà hanno messo in moto il motore che mi ha permesso di iniziare questo fantastico viaggio chiamato vita, ancora lungo ed irto di insidie, ma altrettanto pieno di gioie.

Una mattina nel 2006 decisi che era arrivato il momento di restituire all'Universo ciò che mi aveva donato. Decisi di mollare una dirigenza dorata per fondare Brand2live e contribuire fattivamente all'esplosione del talento delle organizzazioni commerciali e di HR, aiutando le aziende a fare concretamente la differenza.

Perché non esistono limiti, se non quelli che ci poniamo. La storia del ranocchio sordo è il faro.

Stefano Trupia